...................................................................................................................................................................................

 
   

....................................................................................

> click to view - structure <

...................................................................................

Il progetto La fragilità della felicità vuole rappresentare attraverso la realizzazione di microistallazioni (micromondi) come la felicità sia un attimo talmente breve, sfuggente, labile e delicato che può dissolversi improvvisamente nel nulla.

Si sa, la fragilità non gode di buona fama.

Tuttavia, si rivela come le relazioni siano la chiave di fronte ad alcune prove della vita. Accettarla significa prendere coscienza dei propri limiti così come delle proprie risorse.

Molto spesso l'accesso alla fragilità ci viene precluso: che si tratti di quando cadiamo, della separazione da un compagno o della perdita di una persona cara, ci vengono negati i sentimenti di fragilità che proviamo di fronte a queste situazioni.

Per riappropriarci della nostra vulnerabilità è necessario in primis saperla nuovamente riconoscere. Dobbiamo imparare a sentirci deboli in caso di rottura sentimentale, di un lutto o di una malattia e a saper convivere con questo stato d'animo.

Accogliere la nostra fragilità e parlarne prima che non ci sommerga implica anche il rifiuto di aderire a un modello di vita che intende mostrare solo il volto della   salute, della giovinezza e del successo.

Sembra esistere ormai, nella nostra società, un radicato obbligo sociale alla felicità.

L'uomo è felice quando desidera le cose e non quando le possiede perché l'appagamento in quanto realizzazione di un sogno perde automaticamente la sua spinta propulsiva; questa non ha limite, il piacere deriva dalla fantasia non dalle cose che si appartengono.


La felicità si basa sul passato e non sul futuro, non sul presente.

______________________

 

The project "The fragility of happiness" is meant to represent through the realization of (microworlds) as happiness is a moment so brief, fleeting, ephemeral and delicate that can suddenly dissolve into nothingness.

You know, the fragility does not enjoy a good reputation.
Accepting it means to be aware of its limitations as well as their resources.
Very often there is access to the fragility precluded.

There seems to be now, in our society, a deep-rooted social obligation to happiness.

Happiness is based on the past and not the future, not the present.

la fragilità della felicità - the fragility of happiness - fragilità -

 

 
 
| Home | Artworks | Exhibitions | Biography | About me | Catalogues | Contacts | Collaborations |
 
     
Marco Abbamondi - website - All rights reserved